rosa-poesia

‘A NUNNATURA (L’aborto) – Poesia di Luigi Pitterà

Condividiamo con piacere questa poesia che ci è stata inviata via mail da Luigi. Una bellissima poesia in napoletano della quale riportiamo a lato anche la traduzione in italiano.

Pecchè ‘e rrose chiagneno sulo a’ notte,
annascùse, quanno nisciuno ‘e vvede
e s’asciuttano ‘e lacreme a ‘o primmo sole
ca s’arrefrange ‘ncopa ‘e petale ‘nfùse ?
Chiagneno o’ scùro p”e creaturelle accìse,
p”o scuorno pruvato pe’ l’ummanità ca dorme,
p”e vite spezzate, p”e l’infanzia fauciàta,
chiagneno p”o dolore, l’arraggia, ‘o rimorso
ca ogne femmena porta marchiata pe’sempe.
Nuje putimmo sulo appiccià ‘a lampa d”a vita
ma, si ‘a stutammo, simme nuje po’ ‘e primme
ca rummanimmo o’scùro, l’anema spaurita,
mentre ca chiagnimmo sulagne, aspartate.
L’ammore ca te putevo dà nun l’aggio spiso,
nun l’aggio spartuto o rialàto a ll’ati figlie
e, a tavula, stipammo, pentute, schiantate
‘o piatto cummigliato p”o figlio ca nun torna.
(Luigi Pitterà)
Perché le rose piangono solo di notte,
di nascosto,quando nessuno le vede
e si asciugano le lacrime al primo sole
che si rifrange sui petali bagnati ?
Piangono nell’oscurità per le creature uccise,
per la vergogna provata per l’umanità che dorme,
per le vite spezzate,per l’infanzia falciata,
piangono per il dolore,la rabbia,il rimorso
che ogni donna porta con sé, marchiata per sempre.
Noi possiamo solo accendere la fiamma della vita
ma se la spegniamo siamo noi poi i primi
che rimaniamo all’oscuro con l’anima impaurita,
mentre piangiamo solitari, in disparte.
L’amore che potevo darti non l’ho distribuito,
non l’ho diviso né regalato agli altri figli
ed a tavola conserviamo pentiti,spaventati,
il piatto coperto per il figlio che non torna.

 

Quali emozioni ti ha suscitato questa poesia? Condividile con noi lasciandoci un messaggio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *