1974, Calcutta, West Bengal, India  --- Mother Teresa with a child from the orphanage she operates in Calcutta. Mother Teresa (Agnes Gonxha Boyaxihu), the Roman Catholic-Albanian nun revered as India's "Saint of the Slums," was awarded the 1979 Nobel Peace Prize.  --- Image by © Nik Wheeler/Sygma/Corbis

Ama – Madre Teresa di Calcutta

Ama finchè non ti fa male,

e se ti fa male,

proprio per questo sarà meglio.

Perchè lamentarsi?

Se accetti la sofferenza

e la offri a Dio, ti darà gioia.

La sofferenza

è un grande dono di Dio:

chi l’accoglie,

chi ama con tutto il cuore,

chi offre se stesso

ne conosce il valore

(Madre Teresa di Calcutta)

rosa-poesia

‘A NUNNATURA (L’aborto) – Poesia di Luigi Pitterà

Condividiamo con piacere questa poesia che ci è stata inviata via mail da Luigi. Una bellissima poesia in napoletano della quale riportiamo a lato anche la traduzione in italiano.

Pecchè ‘e rrose chiagneno sulo a’ notte,
annascùse, quanno nisciuno ‘e vvede
e s’asciuttano ‘e lacreme a ‘o primmo sole
ca s’arrefrange ‘ncopa ‘e petale ‘nfùse ?
Chiagneno o’ scùro p”e creaturelle accìse,
p”o scuorno pruvato pe’ l’ummanità ca dorme,
p”e vite spezzate, p”e l’infanzia fauciàta,
chiagneno p”o dolore, l’arraggia, ‘o rimorso
ca ogne femmena porta marchiata pe’sempe.
Nuje putimmo sulo appiccià ‘a lampa d”a vita
ma, si ‘a stutammo, simme nuje po’ ‘e primme
ca rummanimmo o’scùro, l’anema spaurita,
mentre ca chiagnimmo sulagne, aspartate.
L’ammore ca te putevo dà nun l’aggio spiso,
nun l’aggio spartuto o rialàto a ll’ati figlie
e, a tavula, stipammo, pentute, schiantate
‘o piatto cummigliato p”o figlio ca nun torna.
(Luigi Pitterà)
Perché le rose piangono solo di notte,
di nascosto,quando nessuno le vede
e si asciugano le lacrime al primo sole
che si rifrange sui petali bagnati ?
Piangono nell’oscurità per le creature uccise,
per la vergogna provata per l’umanità che dorme,
per le vite spezzate,per l’infanzia falciata,
piangono per il dolore,la rabbia,il rimorso
che ogni donna porta con sé, marchiata per sempre.
Noi possiamo solo accendere la fiamma della vita
ma se la spegniamo siamo noi poi i primi
che rimaniamo all’oscuro con l’anima impaurita,
mentre piangiamo solitari, in disparte.
L’amore che potevo darti non l’ho distribuito,
non l’ho diviso né regalato agli altri figli
ed a tavola conserviamo pentiti,spaventati,
il piatto coperto per il figlio che non torna.

 

Quali emozioni ti ha suscitato questa poesia? Condividile con noi lasciandoci un messaggio.

maxresdefault

Poesia per un bimbo mai nato.

È nel dolce sentir
del mio cuore
l’amore per te
oh mia creatura
che per un po’
sei stato dentro di me.

È nel dolce sentir
del mio cuore
che tu mi hai perdonato
come Dio ha perdonato me

È nel dolce sentir
del mio cuore
che tu farai sempre
parte della mia vita
e anche se un giorno
ti ho cancellato
da questo mondo,
so che nella Resurrezione
ci vedremo e ci riconosceremo
perché l’amore che provo
io per te, è lo stesso che provi tu per me.

Una mamma che ha abortito.